HOME.html
 
 

Atelier teatrale di ricerca artistico-antropologica

+ incursione urbana

(GRATUITO)

a cura di Alessandro Conte e Giorgio Castagna


10-11-12-13 luglio 2014

Teatro Marinoni Bene Comune - Venezia Lido


10-11-12-13 luglio 2014

dalle ore 10.00 alle ore 17.30 atelier teatrale - Venezia Lido

11 luglio irruzione urbana - Venezia Lido

13 luglio irruzione urbana - Venezia

un agguato alla città, alle nostre abitudini, alla nostra società.. al nostro pensiero!


per partecipare basta chiamare

3289770647 (Alessandro)

3495299372 (Giorgio)

oppure scrivere a qura@quieora.net o ale@quieora.net


Aperto a chiunque voglia partecipare:

danzatori, attori, musicisti, giardinieri, sarti, falegnami, architetti, artigiani, bambini, anziani, ecc...

Alla ricerca di un'inversione di pensiero collettiva!!!


-----------


DESCRIZIONE

L'essere utopico irrompe, sovverte, trasforma, sorprende. È innocente e puro come un bambino. Meravigliato e stupefatto. È la lava o una nuvola e come entrambe cambia perpetuamente. Non nasce e non muore. Passa. Attraversa. Contro il potere convenzionale, contro dio. È segno di terra, ma intesa come hummus primordiale: la merda. È una fiamma e il demone che la doma. Non è fedele a nessuna regola. Non inizia e non finisce mai nulla. È eterno e ancestrale, l'esoterico e l'essoterico, è il rito e la sua dissacrazione. Spietato e autentico quanto il vero. Non è mai dove lo si attende. È maschera e specchio, paura e coraggio. La curiosità. È l'anarchia della libertà, la dedizione alla necessità, è il simbolo e il suo mistero."


Contact dance, musica dal vivo, e teatro sono il terreno di base sul quale innestare tutte le discipline, le visioni e le forme - artistiche e non - che prenderanno parte a questo atelier (storie, aneddoti, oggetti, parole, danzatori, attori, pittori, scultori, fotografi, ma anche ingegneri, sarti, falegnami, naturopati, ecc…)


Il gioco della relazione con l'altro da sé, la ricerca della propria intima autenticità, l'espressione dell'urgenza che libera il gesto e rompe l'abitudine, l'immaginario in movimento, il sensoriale, lo sguardo, la presenza. Questi gli argini tematici dell'atelier che percorre le direttrici del neutro, dell'espressività larvale, dell'affabulazione, e della mimesi, per condensarne i principi fondamentali: esplorare, approfondire, dettagliare, vivificare, amplificare. Arrivando a risvegliare la necessità, la curiosità e la creatività che conducono fino al simbolo - così come accade nel processo evolutivo cellulare: l'autopoiesi (ricerca, elaborazione e sintesi).


Questo atelier di ricerca teatrale, attraverso l'essere utopico, utilizza lo spazio che c'è tra l'attore e il personaggio come luogo di esplorazione della libertà. Non si dedica alla performance bensì sviluppa e affina il gioco della condizione, della dinamica e del processo. L'essere utopico in quanto specchio dell'uomo ne deforma l'essenza proprio per renderla visibile.


Il gioco è dunque quello dell'esplorazione attorno all'umano, al sociale, al fantastico, alla follia, passando per la deformazione del corpo, dell'immaginario, delle abitudini, della conoscenza.


Anche se incentrato sulle tecniche performative, il workshop è funzionale e propedeutico all'incursione urbana e utile alla condivisione del materiale e a fare coesione tra tutti i partecipanti.


La durata è di circa 6 ore al giorno.


Non rinunciate se non potete essere presenti tutti i giorni: chiamateci e cercheremo insieme soluzione!


MATERIALE UTOPICO:

Si richiede di portare materiale di qualsiasi genere che per voi sia simbolo dell'utopia (oggetti, frasi, foto, musiche, quadri, sculture, video, racconti, interviste, coreografie, ecc…)

da presentare attraverso qualsiasi linguaggio artistico e non..

durata massima della presentazione 5 minuti

..va bene anche solo una foto scattata per strada se è quello il vostro simbolo!


MATERIALE ANTI-UTOPICO:

Proverbi, frasi fatte, oggetti, espedienti che uccidono i sognatori, frenano l'evoluzione, bloccano la curiosità, che rappresentano la staticità, mantengono lo status quo e spengono il coraggio…


ma anche solo scovare un falsa utopia incontrata nella vostra vita!


questo materiale verrà utilizzato all'interno delle improvvisazioni e della composizione finale per l'irruzione in città.